Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme


Forum > Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme
 

 

 

AutoreMessaggio
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma

27, 28, 29, 30 Giugno 2012
1 Luglio 2012
Battle of the bands

Live bands, hot dj's, vintage market, pool party, four days with sixties music design, cinema, clothes and italian wine & food

Salsomaggiore Terme (Parma) Italia

Messaggio inserito: 19/01/2012 12:22:12
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Per maggiori informazioni sui Festival Beat passati Festival Beat Salsomaggiore Terme

Festival Beat 2011
Festival Beat Vol 18
Festival Beat 2009

Messaggio inserito: 19/01/2012 12:35:18
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Il Festival Beat si prepara all’edizione numero XX

Torna il Festival Beat. Da mercoledì 27 giugno a domenica 1° luglio, per il 20mo anno, la manifestazione dal gusto 60’s più longeva d’Europa vi aspetta a Salsomaggiore Terme (PR). Per molti, visto il clamoroso successo delle edizioni 2010 (quella dei diciotto anni con Gravedigger Five e Sonics) e del 2011 (con due “pesi massimi” come i Guitar Wolf e gli Undertones, glorie punk-rock che con un brano come “Teenage Kicks” hanno fatto la storia) sarebbe stato ben difficile per gli organizzatori mettere insieme un cartellone all’altezza.
Ed invece no: l’associazione piacentina Bus1, infatti, anche quest’anno, ha allestito un agguerrito cartellone che animerà Salsomaggiore per quattro giorni all’insegna del divertimento, del ritmo sfrenato in cui sarà difficile trattenere l’entusiasmo e non ballare. Sabato 11 febbraio, al caffè letterario Baciccia di via Dionigi Carli, il direttore artistico del festival Gianni Fuso Nerini ha presentato le prime anticipazioni....continua...per leggere tutto l'articolo Il Festival Beat si prepara all’edizione numero XX

LE BANDS (SCHEDE DI LUCA FRAZZI/RUMORE MAGAZINE):

BARRACUDAS (INGHILTERRA)
Si, avete capito bene. Proprio loro: i Barracudas, la più sixties delle bands fine settanta/primi ottanta. Gli unici inglesi che mentre imperversava il ciclone punk andavano a spasso con capelli a caschetto, beatle-boots e t-shirt a strisce. Chi non conosce la loro Summer Fun? Chi non ricorda il loro travolgente garage-surf? La band di Robin Wills e Jeremy Gluck ha segnato un’epoca con dischi memorabili e il coraggio di andare controcorrente. Facevano sixties-music in tempi non sospetti e intitolavano uno dei loro brani più famosi I Wish It Coud Be 1965 Again: più chiari di così si muore.

GONN (USA)
Craig Moore e i suoi Gonn ormai sono vecchie conoscenze del festival Beat, dove sono transitati più volte in passato. Ciò non toglie però che restino una piccola leggenda del garage americano dei mid-sixties, (ex) ragazzi della provincia USA che suonavano teen-punk come si faceva allora: con innocenza, ingenuità e sacro furore adolescenziale. La loro Blackout Of Gretely è un’inestimabile pepita, un tributo a quei suoni e a quegli anni. E il pubblico del Festival Beat non si stanca mai di ascoltarla.

KAMIKAZE QUEENS (GERMANIA)
Un po’ di sano, robusto garage-rock sporcato di hard, due presenze femminili aggressive, tre maschietti e la carica di chi vuole emergere: questo il biglietto da visita dei Kamikaze Queens, un gruppo dal forte impatto live e dalla popolarità in costante crescita. Piaceranno sia a chi ama i sixties sia a chi non disdegna riff più robusti. Apriranno il Festival giovedì in Via Loschi, e chi ci sarà non se li dimenticherà tanto in fretta.

KEPI ELECTRIC (USA)
I Groovie Ghoulies sono un piccolo grande mito per gli amanti del pop-punk americano. Il loro leader e artista poliedrico Kepi Ghoulie ha nel cuore, da sempre, i sixties e la melodia, e questo suo nuovo progetto, i Kepi Electric, nasce proprio per dare sfogo a questa sua vena retrò. Con risultati sorprendenti. Il palco del pub Devil’s Den ospiterà Kepi e la sua band, pronta a scaldare i cuori di chi ama tanto i Ramones quanto i Nerves e i Chesterfield Kings. Roba per palati fini.

LES SEXAREENOS (CANADA)
Il Canada da sempre è terreno fertile per chi suona garage-rock festaiolo, e i Les Sexareenos ne sono l’ennesima spettacolare dimostrazione. Tra gli appassionati sono un gruppo culto perché da anni tengono viva la fiamma accesa da Sonics e Kingsmen e alimentata dai Fleshtones. Per divertirsi senza troppe menate e per ricordarci quanto è semplice, bello ed efficacie un certo suono, i Les Sexareenos sbarcheranno al Festival Beat armati della carica primordiale che li ha fatti amare. E noi ci lasceremo travolgere dalla loro voglia di far festa.

MIDNIGHT KINGS (ITALIA)
Mettete nel pentolone Doctor Feelgood, Sonics, Inmates, Pretty Things, Fleshtones e tutto ciò che è torrido e carnale, e otterrete il suono dei Midnight Kings, portabandiera nostrani del frat-rock più passionale e danzereccio. Metius e la sua band dal vivo fanno ballare anche chi non può o non vuole. Con una sax assassino e la voglia di divertire (e divertirsi) ci proveranno anche all’apertura del Festival Beat. E ci riusciranno.

PAUL COLLINS BEAT (USA)
Quello che nella seconda metà degli anni settanta veniva chiamato power-pop altro non era se non beat sporcato di punk. E tra le leggende di quell’epoca aurea c’erano i Beat di Paul Collins, uno che la storia l’aveva fatta già coi Nerves (è loro l’hit planetario Hanging On The Telephone, portata al successo dai Blondie), ma che ha continuato a farla sino ad oggi senza mai tradire il suo antico amore per il pop e il rock’n’roll. L’ultimo album di Paul si intitola King Of Power Pop: difficile obbiettare.

POETS (SCOZIA)
Dalle nebbie dei sixties scozzesi riemerge un nome che per gli appassionati è sinonimo di culto. I Poets erano una delle band più importanti di quegli anni e Lenny Helsing coi suoi Thanes ha fatto si che la loro memoria non si perdesse nel tempo e si riscoprissero certe loro pepite d’epoca. Grazie a Lenny, che li coadiuverà sul palco, i Poets tornano oper rispolverare antiche melodie e i fasti di un periodo magico. Il beat delle origini in tutta la sua incontaminata bellezza.

REVEREND BEAT-MAN (SVIZZERA)
Dalla Svizzera, Sua Eminenza il Reverendo, pronto a scaldare di nuovo il popolo del Festival Beat col suo rock’n’roll basico e selvaggio. Nel campo è un’autorità assoluta, ma lui se ne frega dei titoli, vuole solo salire su un palco e rinnovare una magia che ha 60 anni sulle spalle ma sembra proprio non sentirli. Fifties rock’n’roll at his best: gli appassionati non hanno bisogno di raccomandazioni, conoscono bene il Reverendo e sanno che non delude mai.

SORROWS (INGHILTERRA)
Dopo Sonics, Downliners Sect e Pretty Things, un’altra band di mostri sacri dritti dal cuore degli anni sessanta si appresta a calcare il palcoscenico del Festival Beat: sono i Sorrows di Don Fardon, beat inglesi che nel cuore dei sixties si trasferirono in Italia per scalare le classifiche e fare innamorare le ragazze ye-ye di casa nostra. Il Festival Beat 2012 come il Cantagiro ’66? Quando nel cielo di Salsomaggiore risuoneranno le note di No, No, No, No e Mi si spezza il cuore, i 46 anni che separano i due eventi spariranno di colpo, come d’incanto. Beat glorioso dall’effetto garantito, quello dei Sorrows: tutti pronti ad applaudire Don Fardon.

TONY BORLOTTI E I SUOI FLAUERS (ITALIA)
Veterani del Festival e portabandiera del “bit” italiano, Tony Borlotti e i suoi Flauers continuano imperterriti a sfornare brani melodici, ironici e accattivanti. La loro ingenuità è l’unico vero antidoto al grigiore di certi suoni contemporanei, spesso cervellotici e pretenziosi. I Flauers suonano col sorriso sul volto e ci ricordano che bene prezioso è la spensieratezza. Tornano per rinnovare la magia del nostro beat, perché sanno che non c’è posto migliore del Festival per farlo. La chiusura dell’edizione 2012, domenica in Piazza della Libertà, spetta proprio a loro.

TWISTAROOS (NORVEGIA)
Dalla gelida Norvegia il sixties-rock più caldo che c’è in circolazione. Ce lo garantisce la chitarra esperta di Morten Henriksen (Yum Yums, Caroline And The Treats) e l’organo e la voce della bella Vibeke Saugestad, biondina nordica che più nordica non si può, una figura che sembra uscita da un film del ’67 ma che invece tiene il palco (e alla grande) nel 2012. Lei è scatenata, il resto della band una macchina sixties rodata alla perfezione, il Devil’s Den lo scenario ideale per un loro show. Con i Twistaroos, impossibile stare fermi.

Messaggio inserito: 15/02/2012 10:21:07
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

The Barracudas

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma
he Barracudas è una band anglo-canadese formatasi nei tardi anni 70. Fondata da Jeremy Gluck (voce), Robin Wills (chitarra), David Buckley (basso) e Nick Turner (batteria), ha raggiunto l'apice della notorietà nel 1980, quando il singolo Summer Fun.

Caratterizzati da un sound surf-garage molto melodico, hanno sospeso la loro attività nel 1984 per poi riprenderla nel 1989, in occasione della registrazione del disco Wait For Everything...continua a leggere la notizia The Barracudas Salsomaggiore Festival Beat 2012

Messaggio inserito: 19/02/2012 21:49:11
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Gonn

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma
GONN is a 1960s American garage rock band from Keokuk, Iowa whose signature song is "Blackout of Gretely". Although releasing only two singles in 1966-67, the band also recorded numerous other tracks that have been collected on three retrospective albums. Following a 1989 solo album released by bandleader Craig Moore, GONN reunited in 1990 and released a 30th-year reunion album in 1996. In 2004, GONN was inducted into the Iowa Rock 'n' Roll Music Association Hall of Fame. Per avere più notizie Gonn Fetival Beat Salsomaggiore

Messaggio inserito: 20/02/2012 23:10:45
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Kamikaze Queens

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma

I Kamikaze Queens sono composti da Trinity Sarratt (vocals), Mad Kate (vocals), Lloyd Clark (bass), Tex Morton (guitar), Nico Lippolis (drums)

Vengono dalla città europea con più fermento culturale: Berlino. Infiammano i palchi di tutti i club che toccano a suon di psychorockabilly. Ed hanno un inequivocabile nome che è tutto un programma: Kamikaze Queens. Questa band di caratura internazionale potrebbe essere saltata fuori direttamente dalle ceneri di Sin City ed essere sopravvissuta ad essa...per leggere tutto l'articolo Kamikaze Queens Salsomaggiore Festival Beat

Messaggio inserito: 22/02/2012 23:23:18
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Kepi Electric

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma
I Groovie Ghoulies sono un piccolo grande mito per gli amanti del pop-punk americano. Il loro leader e artista poliedrico Kepi Ghoulie ha nel cuore, da sempre, i sixties e la melodia, e questo suo nuovo progetto, i Kepi Electric, nasce proprio per dare sfogo a questa sua vena retrò. Con risultati sorprendenti. Il palco del pub Devil’s Den ospiterà Kepi e la sua band, pronta a scaldare i cuori di chi ama tanto i Ramones quanto i Nerves e i Chesterfield Kings. Roba per palati fini. Per avere più notizie Kepi Electric Festival Beat 2012

Messaggio inserito: 27/02/2012 10:44:18
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

Les Sexareenos

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma
Les Sexareenos were formed in 1998 or 1999... who knows. Basically, Mark Sultan (Blortz, Bridge Mixture, a million other names) and Colonel Lingus were looking to play other shit as the demise of The Spaceshits was imminent. They got a hold of Choyce (Irritations, at the time) and Work With Me Annie, and decided to try making some music....per leggere tutta la notizia segui il link Les Sexareenos Festival Beat 2012 Salsomaggiore

Messaggio inserito: 05/03/2012 12:05:19
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

The Midnight Kings

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma

Una band di quello che negli anni 60 negli Stati Uniti chiamavano "frat rock" ovvero il rock da ballo, per le feste private dei teenagers con i genitori in vacanza. Musica totalmente folle, tutta devota al ritmo, che viene celebrata da questi TRhe midnight kings guidati da quella vecchia "volpe" di Metius, voce degli storici Stp, assieme ad amici del giro rock'n'roll italico. Pira energia e divertimento con classici su classici per balare sfrenati senza nessun genitore che vi gridi di abbassare il volume...per leggere tutta la notizia segui il link The Midnight Kings

Messaggio inserito: 07/03/2012 12:14:50
 
Autore messaggio
Messaggi inviati:
1696
Città:
Salsomaggiore Terme
Registrato:
05/03/2006 19:14:25

The Paul Collins

Festival Beat Vol 20 Salsomaggiore Terme - Mr Paloma

The Beat was founded by Paul Collins, who spent his pre-teens living in Greece, Vietnam and Europe before returning to his native New York. He studied at the prestigious Julliard Music School and eventually moved to San Francisco where he joined songwriter Jack Lee and bassist Peter Case to form The Nerves in 1974. The Nerves proved to be one of the pioneers of the burgeoning US punk rock scene, independently releasing their own 4 song EP which included the classic “Hanging on the Telephone,” later to become a hit for Blondie...per leggere tutto l'articolo segui il link The Paul Collins Beat Festival Beat Salsomaggiore 2012

Messaggio inserito: 16/03/2012 09:48:39